Sicilia o Sardegna? Differenze e consigli

0

E’ tempo di vacanza e se anche tu ami il mare, le spiagge, ma non vuoi rinunciare a una cultura millenaria e a una gastronomia che mette a serio rischio la tua linea, beh, la scelta si riduce alla Sardegna e alla Sicilia. Belle entrambe, come due donne affascinanti che attirano per mille e un motivo, il vacanziere con poche giornate a disposizione e con budget limitato deve necessariamente scegliere: meglio la Sicilia o meglio la Sardegna?


Spiagge e mare

La bellezza è impossibile classificarla, specie quando si parla di spiagge e di mare. E sia il mare di Sardegna e di Sicilia davvero non hanno eguali. Ci sono calette difficili da raggiungere, ci sono spiagge bellissime e frequentatissime, ci sono isole che è possibile raggiungere solo in barca e ci sono misteri tutti da svelare, macchina fotografica in mano. Ecco qualche consiglio per effettuare una scelta consapevole:

  • la Sicilia è la più grande isola del Mediterraneo, ma la Sardegna non si lascia intimorire: ha il maggior sviluppo costiero se rapportata alle altre regioni italiane;
  • qualsiasi sia l’attività che preferite praticare sia le spiagge siciliane, sia quelle sarde sono in grado di soddisfare le vostre richieste. Vento per gli sport acquatici non manca, fondali per lo snorkeling ce ne sono in abbondanza e lidi comodi e invitanti ce ne sono quanti ne vuoi;
  • la bellezza è di casa anche paragonando nel dettaglio due meravigliose spiagge l’una siciliana, l’altra sarda. La Spiaggia dei Coniglio ad esempio, sull’isola di Lampedusa, è stata incoronata da Tripadvisor per il 2013 la migliore d’Italia: d’altronde i commenti entusiastici non lasciavano scampo. Se lo splendore del mare e della sabbia non vi basta per visitarla, sappiate che ogni anno a sceglierla non sono solamente milioni di turisti, ma anche le tartarughe marine Caretta Caretta che vi depongono le proprie uova. A questa spiaggia favolosa contrapponiamo La Pelosa, a Stintino in provincia di Sassari. E’ stata posizionata all’ottavo posto fra le spiagge più belle d’Europa e un motivo ci sarà. Da La Pelosa, durante le giornate limpide e chiare è possibile ammirare addirittura la Costa dell’Asinara, sognando di raggiungerla.

spiaggia-e-mare

Entroterra e cultura

Sul web si legge erroneamente che la Sardegna abbia coste meravigliose ma molta meno storia e archeologia rispetto alla Sicilia. Ovviamente a chi conosce bene l’isola sarda questa affermazione mette i brividi: la verità è che entrambe le isole propongono destinazioni culturali, storiche e archeologiche di tutto rispetto, per quanto quelle siciliane siano più note. Delle bellezze di Agrigento tutti abbiamo sentito parlare, il fascino di Cefalù per molti non ha segreti, Erice, montana e medievale è una favola, e l’Etna è un entusiasmante incontro fra natura, storia e archeologia. Niente di nuovo c’è da raccontare sulla bellezza di Monreale, o di Palermo, e sul fascino di Siracusa o Segesta. Insomma la Sicilia, anche per sentito dire, la si conosce piuttosto bene. Più misteriosa e ancora in parte sconosciuta la Sardegna, una vera e propria miniera di siti archeologici, prenuragici, nuragici, fenici, cartaginesi, romani e chi più ne ha, più ne metta. La reggia nuragica di Barumini, il favoloso complesso nuragico di Santa Cristina o di Santa Vittoria, la Chiesa di Santa Sabina, il complesso di Tiscali, il Gorroppu, il Gennargentu sono solo alcune delle meraviglie che è possibile visitare unendo all’archeologia il trekking e la passione per la natura. Inoltre sono infiniti i borghi che la Sardegna è in grado di offrire, tutti ricchi di particolarismi e di tradizioni suggestive. A voler proprio mettere i puntini sulle i si potrebbe dire che la Sardegna dispone di maggiori attrattive preistoriche, la Sicilia di numerosi siti storici. Tu cosa preferisci?

erice

Gastronomia

Ecco un altro settore nel quale né l’una né l’altra possono vincere: quello della gastronomia. Dici Sicilia e già ti lecchi i baffi perché pensi ai cannoli e alle cassate, agli arancini, al latte di mandorla, al tonno e al pesce spada, alla pasta con le sarde o alla norma. La Sardegna a sua volta non ha niente da invidiare: l’isola minore è maialetto arrosto, pane carasau e guttiau, seadas, pecorino e bottarga, culurgiones e ricci di mare, agnello, pabassine, pastissius e un’infinità di dolci e di pani da mangiare con gli occhi. Insomma un delirio sorprendente di gusti che lascerà il segno nella memoria del viaggiatore.
In conclusione, quale è l’isola migliore per le proprie vacanze? Vien da pensare che l’una sia complementare all’altra per cui il consiglio è di visitarle entrambe, perché la scelta fra queste due belle sorelle d’Italia è impossibile.


cannoli

Share.

About Author

Leave A Reply